Bentornato Galletto di marzo!


E
ra cominciata come una mattina davvero sfortunata: la caccia ai primi falchi pecchiaioli di passaggio era terminata con un'acquazzone che mi aveva completamente scolato….
Arrivata a casa, (abito a Genova, in periferia), mentre dalla macchina raccoglievo i miei bagagli, all'improviso un flash: un uccello coloratissimo vola su un ramo sopra di me e mi guarda, dopodichè alza la sua crestina come a dire: "e be'?"
Io, a bocca spalancata, fatico a rendermi conto che sto guardando un'UPUPA !!
La quale, ovviamente, è indifferente al mio stupore, infatti scende a terra e si mette a becchettare non so cosa come se fosse un piccione qualsiasi.
Io tiro fuori i miei binocoli, sicura che appena li avrò in mano lei scomparirà … e invece no è ancora lì, a 5 - 6 metri da me, ogni tanto tira su la crestina, come una diva vanitosa, ed io accompagno i suoi movimenti con degli "ohhhh", proprio come se fossi un ammiratore scatenato (ed infatti è così).
Nella magia del momento, una nota comica: mentre io ero lì, a bocca aperta (nel senso letterale della parola), mi si avvicina un signore per chiedere un'informazione, e io l'ho zittito dicendogli : "Shhh, c'è un uccello!!!"
Lui mi guarda un po' stranito, poi dice "Ah sì…lo vedo…" , e se ne va.
Dite che sarà andato a segnalarmi al reparto neuro psichiatrico?

 

BENTORNATO A CASA, GALLETTO DI MARZO !


(Sara  Sanetti)

 


>> indice dei racconti