Sierpe: navigando tra le mangrovie

 

SIERPE

Da Manuel Antonio decidiamo di spostarci più a Sud, ascoltando il suggerimento di Enirique, l’autista del taxi, che ci indica Sierpe come una località poco frequentata dai turisti e ancora ben preservata.



Ci consiglia di andare al Veragua River House, un piccolo albergo di sette stanze lontano dai circuiti turistici.
Il proprietario, Benedetto, è un critico d’arte italiano che qui ha trovato il suo paradiso. E non a torto.
In poche ore vediamo una quantità di specie di uccelli incredibili.
Inoltre le stanze sono dei bungalow immersi nella vegetazione tropicale del giardino dell’albergo.
Non ci sono vetri alle finestre ma solo zanzariere.
Non c’e bisogno di dare noi la caccia agli insetti perché ci pensa un grazioso pipistrello, che si attiva non appena spegniamo la luce!
Non ci sono altri turisti: uno spettacolo!
Organizziamo con Benedetto un giro in barca.
La guida manovra con sicurezza la piccola imbarcazione tra il dedalo di canali tappezzati di mangrovie.
La piccola onda provocata dalla barca sembra cullare le lattughe ed i giacinti d’acqua (Pistia stratioides - Eichornia crassipes).



Lattuga e giacinto d'acqua


Ogni tanto qualche airone attraversa, volando con ostentata leggerezza, il canale su cui stiamo navigando, mentre alcuni limicoli corrono su evanescenti lembi di fango. Martin pescatori lanciati come proiettili ci superano, con volo radente, lanciando effimeri bagliori di colore.
Giungiamo su una spiaggia deserta.
Presenti due cani (problema grosso del Costa Rica: il randagismo diffuso minaccia diverse specie selvatiche), una simpatica rana “da spiaggia” e un’aquila solitaria (Haroyhaliaetus solitarius) che ci scruta dall’alto di un albero.
Una nuova specie di tucano (Chestnut-mandibled Toucan Ramphastos swainsonii) canta all’interno della foresta a ridosso della spiaggia.
L’acqua è calda e, malgrado le onde lunghe, la guida ci spiega che qui fare il bagno è sicuro, non ci sono correnti insidiose.
Il ritorno verso Veragua è decisamente avventuroso: questa volta il temporale pomeridiano si trasforma in una tormenta, la barca sfreccia all’interno della rete di canali tra pioggia battente e fulmini.
Non sappiamo cosa pensare, se ridere o piangere, tanto vale ridere! Il giorno successivo ci rechiamo presso “l’acquedotto” di Sierpe, alla ricerca delle famose ranine, coloratissime e velenosissime.




Per raggiungere la località bisogna farsi “traghettare” dall’altra parte del fiume. Il barcaiolo è un’instancabile vecchietto con una forza incredibile.
Manovra con destrezza la barca, riuscendo a contrastare la corrente a colpi di remi. Percorsa una sterrata sotto un sole cocente, prendiamo un sentierino sulla sinistra che dovrebbe portarci all’acquedotto. In effetti notiamo un tubo di plastica in mezzo alla foresta.
Poco più avanti troviamo una piccola vasca coperta da una rete, l’acqua di sorgente viene raccolta e filtrata qui!
Non ci sono altri impianti di potabilizzazione dell’acqua.
Nell’humus della foresta notiamo dei movimenti appena percettibili: sono delle splendide e minuscole rane! Funghi colorati, basilischi Gesù Cristo (Basiliscus basiliscus), iguane verdi (Iguana iguana) e canti di uccelli appagano la vista e l’udito, ci troviamo immersi in un paradiso naturale.




La giornata finisce con un mezzo uragano (con l’esperienza acquisita eravamo comunque già al sicuro nella nostra stanza!).
Le altre specie di uccelli viste in località Sierpe sono le seguenti:
Wood Stork (Mycteria americana), Withe Ibis (Eudocimus albus),Chestnut-bellied Heron (Agamia agami), Great Blue Heron (Ardea herodias), Green-backed Heron (Butorides s. virescens), Lesser Yellowlegs (Tringa flavipes), Stilt Sandpiper (Calidris himantopus), Gray-headed Chachalaca (Ortalis cinereiceps), Hook-billed Kite (Chondrohierax  uncinatus), Laughing Falcon (Herpetotheres cachinnans), Yellow-headed Caracara (Milvago chimachima), Roadside Hawk (Buteo brachyrus), Withe Hawk (Leucopternis albicollis), Red-billed Pigeon (Colomba flavirostris), Scarlet Macaw (Ara macao), Smooth-billed Ani (Crotophaga ani), Gray-breasted Martin (Progne chalybea), Bank Swallow (Riparia riparia), Mangrove Swallow (Tachycineta albilinea), Green Violet-ear (Colibri thalassinus), Slaty-tailed Trogon (Trogon massena), Bird’s Trogon (Trogon bairdii), Ringed Kingfisher (Ceryle Torquata), Amazon Kingfisher (Chloroceryle amazona), Lineated Woodpecker (Dryocopus lineatus), Pale-billed Woodpecker (Campephilus guatemalensis), Fiery-billed Aracari (Pteroglossus frantzii), Hoffmann’s Woodpecker (Melanerpes hoffmannii), Strong-billed woodcreeper (Xiphocolaptes promeropirhynchus), Clay-colored Robin (Turdus grayi), Bananaquit (Coereba flaveola), Giant Cowbird (Scaphidura oryzivora), Scarlet-rumped Cacique (Cacicus uropygialis), Thick-billed Euphonia (Euphonia laniirostris), Variable Seedeater (Sporophila aurita).


>> prosegui il viaggio: S.Gerardo de Rota
>> torna alla mappa