3° e 4° Giorno

3° GIORNO

I Fiordi dell’Est



Molto suggestivi, i fiordi dell’est offrono scenari maestosi, fatti di scogliere a picco sul mare, ma anche di coste scoscese che digradano dolcemente fino a lambire le gelide acque. Onde rabbiose dove i promontori si scontrano con l’oceano, quiete, nei punti più interni dei fiordi, silenzio  interrotto solo dal beccheggio delle barche dei pescatori ancorate nei piccoli porti di paese.

Ad avere il tempo, ogni punto per fermarsi a fare birdwatching è buono. Ogni volta che ci siamo fermati a guardare l’oceano, abbiamo visto miglia di puntini in mare, soprattutto EDREDONI (Somateria mollissima) (foto sotto a sinistra), CIGNI SELVATICI (Cygnus cyignus) (foto sotto a destra) e OCHE SELVATICHE (Anser anser).




Sulle spiagge limacciose sono presenti un numero incredibile di limicoli: PITTIME
REALI (Limosa limosa), PIOVANELLI PANCIANERA (Calidris alpina), BECCACCE DI MARE (Haematopus ostralegus), BECCACCINI (Gallinago gallinago), PETTEGOLE (Tringa totanus), CORRIERI GROSSI (Charadrius hiaticula)
, mentre negli specchi d'acqua lungo la strada si possono avvistare facilmente i FALAROPI BECCOSOTTILE (Phalaropus lobatus) ed i CIGNI SELVATICI.
Arrivati a Streitishvarf, abbiamo deciso di fare una deviazione verso l’interno. Qui la strada (la 964) è sterrata, ma facilmente percorribile. Passare un po’ all’interno mi ha permesso di vedere le OCHE ZAMPEROSEE (Anser brachyrhynchus) (foto sotto) , gli SMERIGLI (Falco columbarius), i CORVI IMPERIALI (Corvus corax).
Presenti ovunque PIVIERI DORATI e LABBI.


4° GIORNO

Dettifoss e la gola di Asbyrgi


Dettifoss è la cascata più potente d’Europa, con un salto di 44 metri e una portata di 212 tonnellate al secondo. Anche se non si fa birdwatching, vale la pena di venire a vedere la potenza che è capace di sprigionare. Con il sole, a contorno di uno spettacolo già di per se unico, arcobaleni, spesso  doppi, accompagnano con grazia la fragorosa ed indomabile caduta dell’acqua.
Alla gola di Asbyrgi, si possono vedere, ben lontani anche qui dal mare, i FULMARI al nido. L’acqua qui, per contrasto all’emozione violenta che suscita la cascata di Dettifoss, è immobile, silenziosa, ed i FISCHIONI (Anas Penelope) vi galleggiano pacifici. Tra i sassi affioranti e levigati dal ghiaccio e dall’acqua, BALLERINE BIANCHE (Motacilla alba) saltellano movendo ritmicamente la coda.