Vasche di Naama Bay

Vasche di Naama Bay


Pochi chilometri a nord di Sharm, lungo l’inevitabile Peace Road, si svolta in Safari Street all’altezza del Marriott e la situazione cambia rapidamente.
Spariscono subito gli alberi e poco dopo anche i radi cespugli spinosi.
A bordo strada, solo un paio di cappellacce si fanno vedere.
Trovare le vasche è facile.
Basterebbe il puzzo a guidarci.
Si tratta delle vasche di decantazione delle acque luride di tutta la zona, un vasto complesso di vasche digradanti di pietra e cemento che trasforma i liquami prodotti dai turisti in acqua per l’irrigazione e chissà cos’altro - non vogliamo sapere.
E’ pieno di uccelli.
Centinaia e centinaia di cicogne bianche arrivano qui ogni giorno in migrazione e si fermano a riposarsi e dissetarsi.
Tra loro anche alcune cicogne nere e gru.
Alcune arrivano stremate dal lungo viaggio e non ce la fanno.
Non bastasse il tanfo a rattristarci, tra le vasche si cammina in mezzo ai cadaveri di cicogna.



L’impazienza e il vociare del muezzin ci hanno fatti alzare troppo presto.
Alle 8 le aquile non sono ancora arrivate.
Ci accolgono però nibbi bruni a centinaia, alcuni sparvieri levantini, un falco unicolore in caccia, un branco di pavoncelle armate e alcuni mignattini.
Anche i passeriformi sono abbondanti: la monachella dal cappuccio e la monachella lamentosa fanno la sentinella sui mucchi di terra smossa a ovest delle vasche; centinaia di ballerine bianche e pispole golarossa  saltellano sugli argini di cemento; rondini, rondini rossicce, balestrucci, rondini montane pallide e topini svolazzano a caccia di insetti sopra le acque maleodoranti; meno numerosi: ballerina gialla, cutrettola, pettazzurro, anatre e limicoli vari, un mignattaio e i totalmente inaspettati e quindi tanto più graditi pigliamosche pettirossomartin pescatore bianco e nero.
Alle 9 cominciano ad arrivare gli pteroclidi: grandule coronata e grandule del Senegal a decine – per le grandule di Lichtenstein bisognerà invece tornare al tramonto.
Si tratta di uccelli dai colori bellissimi, delle dimensioni di un piccione, che vivono in pieno deserto e vanno a bere alle pozze una volta al giorno.
Le penne del ventre hanno una forma speciale e funzionano come spugne: ogni uccello le inzuppa d’acqua e trasporta il liquido al nido, dove le uova o i pulcini friggerebbero sotto il sole del deserto se non ricevessero questa preziosa doccia.
Alle 9,30 comincia il vero spettacolo.
Tra i nibbi in volo si cominciano a scorgere le aquile.



Prima un’anatraia maggiore, poi un’aquila imperiale giovane, poi varie aquile delle steppe in tutti i piumaggi, poi alcune alcune aquile anatraie minori, un biancone, diverse aquile minori in fase chiara, quattro giovani capovaccai , falchi pecchiaioli, poiane e poiane delle steppe, un lanario e vari gheppi.
D’improvviso siamo in paradiso, non sentiamo più né il sole che si fa sempre più cocente, né il puzzo.
Di fronte a tanta abbondanza non si sa dove puntare il cannocchiale.
Mattia discetta sulla commessura labiale dell’aquila delle steppe, Andrea striscia come un comanche per fotografare da vicino un’anatraia posata a terra, io e Stefano ci ostiniamo su alcune allodole lontanissime cercando di scovare l’allodola del deserto e su una “maledetta” cannaiola che riesce a lungo a non farsi vedere per bene anche se il canneto che la ospita sarà grande 3 mq al massimo.



Le vasche sud, quasi senz’acqua, sanno più di discarica a cielo aperto che di fogna e ospitano pochissimi uccelli.
Quattro sparvieri levantini si alzano in volo al nostro arrivo; due femmine e un maschio di gheppio usano gli eucalipti come posatoi; due garzette e una sgarza ciuffetto molto scura si aggirano tra i rigagnoli; molte le tortore delle palme e dal collare e una piccola femmina di tortora mascherata.
Esplorando un bel rudere di fornace ci accorgiamo di essere osservati da un candido barbagianni, appollaiato sulla trave più alta.



prosegui...
Ras Muhammed


torna al
Sommario